Sinovite dell'anca

È un'infiammazione dell'articolazione dell'anca che colpisce i bambini dai 2 ai 9 anni. Nella maggior parte dei casi guarisce spontaneamente
Stampa Pagina

20 febbraio 2018

CHE COS'È
È un'infiammazione dell'articolazione dell'anca che compare all'improvviso, spesso durante o qualche giorno dopo un'infezione virale delle vie respiratorie superiori (raffreddore, faringite). Il meccanismo che causa l'infiammazione e fa produrre del liquido all'interno dell'articolazione è ignoto. Solitamente è colpita una sola anca.

A CHE ETÀ COMPARE
La sinovite transitoria dell'anca generalmente si manifesta nei bambini dai 2 ai 9 anni.

COME SI MANIFESTA
Compare all'improvviso; il bambino si rifiuta di camminare perché ha male "alla gamba", e non vuole poggiare il piede a terra. Il bimbo non sa identificare il punto preciso del dolore che spesso viene vagamente riferito al ginocchio e/o alla superfice anteriore della coscia. Molte volte si manifesta al risveglio del mattino.

COME SI FA LA DIAGNOSI
È sufficiente la visita da parte del proprio Pediatra. Vanno valutati i movimenti dell'anca: l'anca è dolorabile ma è usualmente possibile muoverla anche se in maniera limitata. Vanno esclusi con certezza i traumi. Se l'articolazione e la gamba sono gonfie o arrossate oppure se è presente febbre, la diagnosi di sinovite transitoria diventa improbabile ed è necessario pensare ad altre malattie. 

QUALI SONO GLI ESAMI DA FARE
È molto importante, e normalmente sufficiente, la visita del Pediatra. Se i sintomi o la durata del dolore non sono tipici, sarà il Pediatra a consigliare gli accertamenti. Innanzitutto un'ecografia dell'anca che mostrerà la presenza del liquido all'interno dell'articolazione, confermando la diagnosi. Potrebbe anche decidere di fare degli esami del sangue per valutare l'emocromo e gli indici di flogosi come la PCR e la VES.

COME SI CURA
La sinovite transitoria dell'anca solitamente guarisce spontaneamente con il riposo in pochi giorni (al massimo una settimana). Possono essere usati farmaci anti-infiammatori non steroidei per 4-5 giorni a dose piena. La risposta a questi farmaci è usualmente piuttosto rapida (1 o 2 giorni).

QUANDO ANDARE AL PRONTO SOCCORSO
Non è necessario. Normalmente la sinovite transitoria dell'anca può essere gestita e curata dal Pediatra di Famiglia a casa. Sarà il Pediatra a consigliare accertamenti o visita in Pronto Soccorso solo in alcuni casi.

OCCORRONO CONTROLLI
Solitamente il bambino rifiuta di camminare per qualche giorno. Poi, una volta passato il dolore torna a muoversi normalmente. È molto importante effettuare una visita dal Pediatra, a distanza di un mese dalla risoluzione dei sintomi: l'articolazione dell'anca deve poter essere mossa, in modo passivo, in tutte le direzioni, senza provocare dolore.

PUÒ PRESENTARSI DI NUOVO
Generalmente rimane un unico episodio. Il bambino gradualmente riprende a camminare e poi si dimentica del dolore e torna spontaneamente a fare tutte le attività di prima. In alcuni casi potrebbe ripresentarsi, anche a distanza di diverso tempo, un nuovo episodio o interessare l'altra articolazione.
Se i sintomi scompaiono e la articolazione dell'anca (ad una visita) si normalizza completamente dopo qualche settimana (vedi sopra) non bisogna preoccuparsi.

POSSONO ESSERCI COMPLICANZE
La sinovite transitoria dell'anca è una malattia benigna che, anche nelle forme che durano un po' di più, si risolve senza lasciare nessun problema. È importante seguire il bambino fino alla completa guarigione ed effettuare una visita di controllo dal proprio Pediatra a distanza di un mese per controllare che l'articolazione sia tornata completamente normale. Se dovessero comparire sintomi non tipici, o febbre persistente, o il dolore fosse particolarmente forte e non passare con la terapia con farmaci antiinfiammatori non steroidei, o presentarsi gonfiore o arrossamento della cute, è bene effettuare qualche accertamento in più e una visita Reumatologica.


a cura di: Michele Salata
Unità Operativa di Reumatologia
In collaborazione con: