Sindrome di Down: ritardo di crescita o scarso accrescimento nei bambini

Il ritardo di crescita può essere sintomo di varie malattie ma viene troppo spesso attribuito alla diagnosi principale 

Lo scarso accrescimento staturo-ponderale può essere sintomo di malattie di varia natura ma può essere facilmente mascherato dalla diagnosi principale poiché un bambino con sindrome di Down è mediamente più piccolo rispetto ai coetanei.
La bassa statura è una caratteristica dei bambini con Sindrome di Down, ma c'è una notevole variabilità individuale. L'altezza finale è influenzata sia dal cromosoma 21 in più che da altri fattori genetici ereditati dai genitori. Inoltre, le malattie che spesso si associano alla sindrome di Down possono interferire con la crescita.
Tra il 30 e l'80% dei dei bambini con Sindrome di Down soffrono di difficoltà nell'alimentazione: mangiare, bere, deglutire. 
Lo scarso accrescimento, sia esso di peso che di statura, è un sintomo che spinge frequentemente i genitori a richiedere una visita pediatrica. Generalmente si ritiene che un bambino presenti scarso accrescimento quando la sua crescita sulle curve dei percentili è sotto il 3°-5° centile (in altezza, in peso o in entrambe le misurazioni).

  • Ipotonia (scarso tono muscolare);
  • Protrusione della lingua e la macroglossia (lingua grande);
  • Piccola cavità della bocca;
  • Denti piccoli;
  • Disfagia (difficoltà a deglutire).

Tutto questo può portare a un notevole allungamento dei tempi del pasto. Può portare anche ad un cambiamento delle abitudini alimentari, a selettività e rifiuto del cibo, a fastidio o dolore associato alla deglutizione, a disturbi digestivi e a problemi intestinali nonché a maggiori difficoltà nell'integrazione sociale (mense scolastiche, feste…).

Si pone diagnosi di ritardo di crescita quando il peso del bambino o il tasso di accrescimento sono molto inferiori ai valori attesi in base alla crescita precedente o alle curve di crescita (curve dei percentili di crescita per i bambini con sindrome di Down).
Per determinare le cause del ritardo di crescita, il medico deve porre quesiti specifici ai genitori sull'alimentazione del bambino, sulle sue abitudini intestinali, su malattie che si sono verificate in passato e su malattie familiari. Anche la stabilità sociale, emotiva e finanziaria della famiglia sono fattori che possono influire sul comportamento alimentare del piccolo. Esami più accurati vengono effettuati solo nel caso in cui si sospetti che lo scarso accrescimento sia causato da una malattia.

In caso di scarso accrescimento è opportuno escludere eventuali malattie tenendo anche presente che alcuni disturbi e malattie sono più frequenti nei soggetti con Sindrome di Down. Tra queste:

- Apnee ostruttive del sonno (OSAS);
- Malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE);
- Cardiopatie;
- Celiachia;
- Carente secrezione di ormone della crescita;
- Disfunzione tiroidea;
- Difficoltà di deglutizione, di masticazione e altri disturbi dell'alimentazione e della digestione.

La cura dipende dalla causa. Se lo scarso accrescimento è causato da una malattia, verrà prescritta una terapia adeguata. Un ritardo di crescita lieve o moderato viene trattato con un regime alimentare nutriente e ipercalorico che va seguito regolarmente. Il ritardo di crescita di entità grave deve essere trattato da un Centro specialistico, con ricovero o con Day Hospital, per ulteriori accertamenti. 

Sfoglia online la guida di 'A scuola di salute' dedicata alla Sindrome di Down

Volume 1:

Volume 2:

Volume 3:

Volume 4:

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Diletta Valentini
    Unità Operativa di Pediatria Generale
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 20 aprile 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net