Vaccini Covid-19 per le nuove varianti: le risposte alle domande più frequenti

I nostri esperti rispondono alle principali richieste su questo argomento

La lotta al COVID-19 è imperniata sui vaccini, in grado di evitare le forme gravi di malattia e i ricoveri delle persone infettate dal SARS-CoV-2. Tuttavia, la comparsa di nuove varianti rende importante adattare anche i vaccini. Grazie alla continua ricerca, oggi abbiamo a disposizione nuovi vaccini contro le nuove varianti.

I nuovi vaccini anti Covid-19, adattati alle varianti Omicron BA.1 e Omicron BA.4 e BA.5, sono stati da poco approvati dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). Si chiamano Comirnaty/Omicron BA.1, Comirnaty/Omicron BA.4/5 e Spikevax Bivalent Original/Omicron BA.1, e sono gli stessi vaccini originali anti COVID-19 prodotti da Pfizer/BioNTech e Moderna, combinati con i tratti di RNA specifici delle nuove varianti Omicron.  

Gli studi hanno dimostrato che, nelle persone precedentemente vaccinate, i vaccini combinati possono innescare forti risposte immunitarie contro Omicron e contro il ceppo originale di Sars-CoV-2. Non ci sono attualmente elementi per esprimere un giudizio preferenziale nei confronti dei diversi vaccini bivalenti disponibili (ceppo originale BA.1 e BA.4-5): tutti aumentano la protezione contro le diverse varianti e aiutano a mantenere una protezione ottimale contro il COVID-19. Infatti, anche il vaccino bivalente BA.1 ha dimostrato di innescare una risposta anticorpale maggiore contro la variante BA.5 rispetto al vaccino originale. 

Le indicazioni prevedono l’utilizzo di questi vaccini combinati solo dopo la conclusione del ciclo vaccinale primario come prima dose di richiamo (cosiddetta terza dose) a tutti i soggetti di età uguale o superiore ai 12 anni. La vaccinazione è inoltre raccomandata come seconda dose di richiamo (cosiddetta quarta dose) prioritariamente per: 

  • tutti i soggetti di età uguale o superiore 12 anni con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti
  • tutti i soggetti di età uguale o superiore 60 anni 
  • operatori sanitari, operatori e ospiti delle strutture residenziali per anziani e donne in gravidanza  

Oltre che per le persone dai 60 anni di età e per gli operatori sanitari, la somministrazione della seconda dose di richiamo (second booster) o "quarta dose" è raccomandata per le persone di 12 anni e più con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/preesistenti purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno quattro mesi (120 giorni) dalla prima dose booster o dall’ultima infezione successiva al richiamo (data del test positivo). Per le dosi di richiamo è raccomandato l'uso di vaccini a m-RNA nella formulazione bivalente. 

Le categorie di persone ad elevata fragilità, motivata da patologie concomitanti/preesistenti, cui è indicata la somministrazione del secondo richiamo (quarta dose) di vaccino anti SARS-CoV-2/Covid-19, sono: 

Aree di patologia/condizione  Definizione della condizione 
Malattie respiratorie 
  • Fibrosi polmonare idiopatica
  • Malattie respiratorie che necessitino di ossigenoterapia
Malattie cardiocircolatorie 
  • Scompenso cardiaco in classe avanzata (III – IV NYHA);  
  • Pazienti post-shock cardiogeno
Malattie neurologiche 
  • Sclerosi laterale amiotrofica e altre malattie del motoneurone  
  • Sclerosi multipla
  • Distrofia muscolare
  • Paralisi cerebrali infantili
  • Miastenia gravis
  • Patologie neurologiche disimmuni
Diabete/altre endocrinopatie severe 
  • Diabete di tipo 1
  • Diabete di tipo 2 in terapia con almeno 2 farmaci per il diabete o con complicanze
  • Morbo di Addison
  • Panipopituitarismo
Malattie epatiche 
  •  Cirrosi epatica 
Malattie cerebrovascolari 
  • Evento ischemico-emorragico cerebrale con compromissione dell’autonomia neurologica e cognitiva
  • Stroke nel 2020-22 
  • Stroke antecedente al 2020 con ranking ≥ 3
Emoglobinopatie 
  • Talassemia major
  • Anemia a cellule falciformi
  • Altre anemie gravi
Altro 
  • Fibrosi cistica
  • Sindrome di Down
  • Grave obesità (BMI >35)
Disabilità (fisica, sensoriale, intellettiva e psichica) 
  • Disabili gravi ai sensi della legge 104/1992 art. 3 comma 3

Per le persone dai 12 anni di età con marcata compromissione della risposta immunitaria, la somministrazione della quarta dose deve essere considerata equivalente a una prima dose di richiamo (booster), dato che il ciclo vaccinale primario prevede tre dosi (ciclo primario standard più dose addizionale, a distanza di almeno 28 giorni dall’ultima dose). La dose booster va effettuata con vaccino a mRNA bivalente dopo un intervallo minimo di almeno 120 giorni dalla dose addizionale. 

La seconda dose di richiamo è importante perché riporta la protezione al livello più alto soprattutto contro le forme gravi. Recenti studi hanno dimostrato che la vaccinazione è importante anche in chi ha contratto l'infezione da SARS-CoV 2 perchè gli anticorpi prodotti in risposta alla vaccinazione proteggono e persistono più a lungo rispetto a quelli che l'organismo produce in seguito all'infezione o malattia. 

 

LEGGI ANCHE; Vaccini Covid-19 in età pediatrica: le risposte alle domande più frequenti




 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  lavoraconnoi@opbg.net