Ricovero in Ospedale

Tutte le cose da sapere sul periodo di degenza con pernottamento all'interno della struttura ospedaliera

Per ricovero in ospedale si intende comunemente un periodo di degenza della durata di uno o più giorni, che comprende anche il pernottamento all’interno della struttura ospedaliera, per ricevere cure medico-chirurgiche, trattamenti di riabilitazione e assistenza.

Viene chiamato più propriamente ricovero “ordinario” per distinguerlo dalle altre forme di ricovero “diurno”, cioè senza pernottamento, quali il Day Hospital e il Day Surgery.

Il ricovero ordinario può avvenire:

  • In urgenza, tramite il Pronto Soccorso
  • In modo programmato da parte di un medico dell’Ospedale dopo una visita o precedente ricovero
  • Da un’altra struttura sanitaria, in accordo con i nostri medici

Nei casi di ricovero programmato il personale dell'Ospedale contatterà per tempo la famiglia per comunicare la data del ricovero, la sede e il reparto, le istruzioni necessarie per preparare il ricovero (digiuno, somministrazione di farmaci, ecc.), le indicazioni per l’accesso in Ospedale, i suggerimenti sugli effetti personali da portare con sé (pigiama, biancheria, spazzolino, ecc…) e tutte le altre informazioni utili.

In ogni reparto di ricovero accanto al letto del paziente c’è sempre un posto dedicato a un accompagnatore, normalmente uno dei due genitori o un tutore legale.

 

In questa fase di emergenza legata alla pandemia, il personale dell’Ospedale vi contatterà entro le 48 precedenti il ricovero per eseguire uno screening telefonico, finalizzato all’individuazione del rischio di infezione da SARS-CoV-2.

  • Nel caso di febbre, tosse o sintomi respiratori, verrà valutata con voi l’opportunità di riprogrammare il percorso di cura
  • Se i sintomi dovessero manifestarsi nei giorni successivi al contatto telefonico, vi chiediamo di avvisare immediatamente il reparto per valutare insieme come procedere
  • Per tutti i bambini e ragazzi è prevista l’esecuzione di un tampone nasofaringeo antigenico di screening entro le 48 ore precedenti il ricovero (o entro le 72 ore, se in possesso di un tampone molecolare)

Il genitore o il tutore che accompagna il paziente al ricovero deve essere munito di Certificazione Verde COVID-19 (Green Pass) in corso di validità.

Nei 14 giorni precedenti la degenza è particolarmente importante, sia per i pazienti che per i genitori, osservare le regole di comportamento più idonee per prevenire l’infezione da SARS-CoV-2: l’utilizzo della mascherina, il lavaggio frequente delle mani, il distanziamento sociale, evitando il più possibile situazioni di rischio.

 

Se non conosci il nostro Ospedale, ecco alcune informazioni sulle sedi di ricovero: dove sono, come arrivare, dove parcheggiare:

Per chi viene da fuori Roma, l’Ospedale ha attivato delle convenzioni con compagnie di trasporto per agevolare chi deve raggiungere il Bambino Gesù:

 

L’accompagnatore

Il giorno d'ingresso in Ospedale, il paziente deve essere accompagnato da un genitore o un tutore, che dovrà restare con lui per tutto il tempo di degenza.

In questa fase di emergenza legata alla pandemia, purtroppo, è consentita la presenza di un solo accompagnatore, per ridurre le situazioni di assembramento e garantire la sicurezza di tutti.

Le cose da portare

  • Documento d'identità (del paziente e dell’accompagnatore)

  • Tessera sanitaria

  • Documentazione clinica e referti di esami e visite (se non effettuate al Bambino Gesù)

  • Certificazione Verde COVID-19 in corso di validità (necessaria per l’accompagnatore)

  • Referto del tampone antigenico negativo effettuato dal paziente entro le 48 ore precedenti il ricovero (o entro le 72 ore, se in possesso di un tampone molecolare)

  • Quanto strettamente necessario per la permanenza in Ospedale:

    • Pigiama
    • Ciabatte
    • Biancheria intima
    • Effetti personali per la pulizia (spazzolino, dentifricio, spazzola o pettine, shampoo o detergenti particolari)
    • Caricabatteria del telefono

Evitate di portare giocattoli ingombranti, pericolosi (parti piccole che possono essere inghiottite) o rumorosi. Evitate anche gli oggetti di valore. Se temete di dimenticare qualcosa, non preoccupatevi: all’interno delle sedi del Gianicolo e Palidoro sono presenti dei piccoli negozi con prodotti per l'igiene personale.

L’accettazione

Giunti all’ingresso della sede, per prima cosa dovrete raggiungere il reparto che ha programmato il ricovero, per la compilazione della cartella clinica.

Verrete quindi indirizzati agli sportelli dell'Ospedale per completare la pratica di accettazione amministrativa.

Tornati al reparto, a vostro figlio verrà messo un braccialetto che serve a poterlo identificare con certezza in ogni momento e assicurare che riceva le giuste cure durante il ricovero.

Il personale infermieristico vi fornirà le indicazioni per la sistemazione all’interno della stanza e vi illustrerà alcune regole che riguardano gli spazi comuni, gli orari e le attività del reparto.

Per garantire la sicurezza della permanenza in ospedale, verrà inoltre effettuata una valutazione sul rischio e la prevenzione delle cadute di ciascun bambino, offrendo ai genitori le indicazioni e i suggerimenti sui migliori comportamenti da adottare.

 

Durante il periodo della degenza sarà possibile restare accanto al proprio figlio 24 ore su 24.

In reparto, a causa della pandemia, potrà essere presente un solo accompagnatore, munito di certificazione verde COVID-19 in corso di validità. Il cambio tra i genitori è sempre consentito, in accordo con il personale sanitario di reparto e in possesso di Green Pass. Le visite di parenti e amici, in questo momento, purtroppo sono sospese.

Nelle Terapie Intensive la presenza dei genitori o tutori è consentita compatibilmente con le condizioni cliniche e assistenziali dei bambini e in accordo con il personale sanitario.

I medici che hanno in cura il bambino sono disponibili per darvi informazioni tutti i giorni, in orari diversi a seconda del reparto.  Tutto il personale in Ospedale ha un cartellino identificativo con scritto il proprio nome, cognome e il ruolo svolto. Per qualsiasi necessità assistenziale, logistica o amministrativa potete fare riferimento al coordinatore infermieristico del reparto, che organizzerà ciò di cui avete bisogno favorendo l’accesso, se necessario, ai diversi servizi che l’Ospedale mette a disposizione dei bambini e delle famiglie:

Diritti e doveri

Il nostro Ospedale, insieme agli Ospedali pediatrici italiani ha realizzato la “Carta dei diritti del bambino in Ospedale”, che elenca tutti i diritti fondamentali dei bambini e dei ragazzi durante il ricovero, che ci impegniamo a garantire. Tra questi, il diritto del bambino a manifestare il proprio disagio e la propria sofferenza e di essere sottoposto agli interventi meno invasivi e dolorosi possibile. In Ospedale monitoriamo il dolore fisico e psichico seguendo un protocollo specifico che indica i comportamenti e le azioni per una giusta valutazione e un trattamento adeguato del dolore nelle diverse fasce d’età.

Accanto alla Carta dei diritti esiste una “Carta dei doveri della vita in Ospedale”, che ci aiutano a rendere sostenibile per quanto possibile l’esperienza del ricovero e garantire a bambini e ragazzi le cure e l’assistenza migliori. Tra queste regole, particolarmente importante in questo periodo è il rispetto delle misure di igiene e di sicurezza per proteggere i bambini dai rischi infettivi.

Soprattutto in questo periodo, ci sono 6 regole fondamentali da rispettare:

  • Lavarsi spesso le mani, con acqua e sapone o soluzione alcolica
  • Indossare sempre la mascherina negli spazi comuni, sia al chiuso che all’aperto
  • Lasciare la propria stanza solo in accordo con il personale sanitario
  • Mantenere la distanza di sicurezza da altre persone
  • Limitare i cambi fra accompagnatori alle situazioni indispensabili
  • In caso di sintomi influenzali avvisare subito il personale sanitario

Suggerimenti e reclami

Per ogni tipo di problema, segnalazione o suggerimento che emerga durante il periodo del ricovero, potrete sempre chiamare o scrivere all’ Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Ospedale, attivo su tutte le sedi.

 

Al momento di tornare a casa, il medico vi consegnerà la lettera di dimissione con l'eventuale terapia da seguire e vi chiederà di firmare la cartella clinica, che contiene le prestazioni, le terapie e altre informazioni sul ricovero.

La cartella clinica la potete trovare anche sulla Carta della Salute che vi permette di accedere a tutta la documentazione sanitaria, compresi gli esami e i referti, in formato digitale. È un servizio gratuito che potete attivare di persona agli sportelli amministrativi dell’Ospedale o richiedere online.

Se invece avete bisogno di una copia conforme della cartella clinica è necessario presentare una richiesta specifica all’ufficio competente.

Per segnalare problemi che possano essere emersi durante il ricovero, avanzare suggerimenti o fare arrivare il vostro apprezzamento al personale, potete rivolgervi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Ospedale, attivo su tutte le sedi.

Vi chiediamo in ogni caso la cortesia di compilare il questionario di soddisfazione predisposto dall’Ospedale, che ci aiuterà a migliorare la qualità del nostro servizio.

Se poi volete anche aiutarci a sviluppare i nostri progetti di ricerca e di assistenza per i bambini che ne hanno maggiormente bisogno, potete sostenere la nostra Fondazione Bambino Gesù Onlus. Ogni piccola donazione è preziosa.




 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  lavoraconnoi@opbg.net